mercoledì 21 dicembre 2016

IL GIOCO DELL'ANGELO di Carlos Ruiz Zafon - recensione


Uno scrittore non dimentica mai la prima volta
che accetta qualche moneta
o un elogio in cambio di una storia.
Non dimentica mai la prima volta
che avverte nel sangue il dolce veleno della vanità
e crede che, se riuscirà a nascondere a tutti
la sua mancanza di talento,
il sogno della letteratura potrà dargli un tetto sulla testa,
un piatto caldo alla fine della giornata
e soprattutto quanto più desidera:
il suo nome stampato su un miserabile pezzo di carta
che vivrà sicuramente più a lungo di lui.
Uno scrittore è condannato a ricordare quell'istante,
perché a quel punto è già perduto
e la sua anima ha ormai un prezzo.


Con il secondo volume della Saga del Cimitero dei libri dimenticati, restiamo nella stessa Barcellona quasi "medievaleggiante", degli anni venti che, come Zafon ci ha insegnato ad apprezzare ne L'ombra del vento, affascina ed ammalia proprio per la sua atmosfera quasi "anacronistica" e un po' fantasy grazie alla sensazione di vivere la storia in un'epoca e in un luogo lontani dalla realtà e per la suggestione delle anime tormentate che possiedono i suoi personaggi. Oltre quattrocento pagine tra incubo e sogno, che rimandano vagamente ai celebri Dottor Faust di Goehte e al Ritratto di Dorian Grey di Oscar Wild il cui significato resta ambiguo ed incerto fino alla fine.


opinione di Sangueblu


Una lettura non sempre "facile" o chiara che alterna momenti estremamente brillanti e scorrevoli ad altri più farraginosi e lenti. Probabilmente Zafon è uno di quegli scrittori che si amano o si odiano, senza mezze misure, ma indubbiamente anche Il gioco dell'angelo è un romanzo geniale. Antecedente nei fatti a L'ombra del vento in questo secondo volume, come accadrà per i successivi, troveremo frammenti della vita di Daniel, che poi andranno ricollegati fra loro pezzo per pezzo, pagina per pagina.

Protagonista de Il gioco dell'Angelo è David Martìn: un personaggio sofferto e quasi ‘maledetto’ che inizia la sua disperata storia ripercorrendo le linee della sua infanzia squallida. Viene abbandonato dalla madre quando è solo un bambino, e anche con il padre il suo rapporto non è certo più facile. I conflitti tra loro sfociano in un tragico epilogo.
Ma questo sarà solo l’inizio, perché la vita di questo ragazzo sfortunato, troverà soltanto un’apparente  miglioramento grazie alla protezione del caro amico Vidal, l’uomo più ricco e prestigioso di Barcellona.
David inizia a lavorare come fattorino al suo fianco, ma il suo desiderio più grande, che vuole in tutti i modi realizzare è diventare uno scrittore.
Tutto ha inizio presso la redazione de ‘La Voz de La Industria’, dove darà vita a racconti mistici e terrificanti, una via di mezzo tra thriller e horror, e successivamente un po' di notorietà arriverà grazie a ‘La città dei maledetti’, quasi uno specchio narrativo per dare voce al luogo in cui vive. Una Barcellona come sempre surreale, gotica e misteriosa.
La storia infatti viene suddivisa in ampi capitoli che prendono il nome dell’opera che racchiude il periodo significato di vita del protagonista.
Ad un certo punto arriverà la svolta nella vita di David:  l’incontro con un editore davvero singolare e morbosamente affascinante: Andreas Corelli. Una sorta di figura sinistra e diabolica che gli proporrà un accordo in un momento per lui molto delicato perchè  a causa di problemi di salute aveva scoperto che la sua vita stava per finire. (Un vero e proprio patto col diavolo).
Andreas Corelli aveva in mente di creare una nuova religione e per poterlo fare aveva bisogno della sua abile penna. Martin non si sente coinvolto nel progetto ma la possibilità di guarire - e dunque continuare a vivere - e il compenso oltremodo fruttuoso gli fanno gola. Ed ecco che il "patto col diavolo" ha luogo. Di questo patto Martin si pentirà solo quando ormai sarà troppo tardi.

Questo romanzo religioso è una vera opera di fantasia per David, e un espediente per Zafon per farci capire quanto uno scrittore possa essere capace di ‘armarsi’ della sua immaginazione per far percepire ai lettori vera una menzogna qualsiasi, se ben argomentata.
L’autore ha voluto inoltre mostrarci quanto potesse essere difficile la professione di scrittore  la professione di scrittore nella Spagna degli anni Venti-Trenta  attraverso la disperazione fisica e psicologica del protagonista. Difficoltà e disperazione alimentate proprio dall'arrivo del misterioso editore Corelli.

La storia ci mostrerà le tante fragilità del protagonista, evidenziate anche dagli incontri con i tanti altri personaggi secondari, altrettanto importanti ed essenziali per il romanzo. Martìn vive costantemente sentimenti contrastanti nei confronti delle persone a cui è più legato, come ad esempio Sempere, unico e sincero amico che lo ha aiutato fin da piccolo. Questa ambivalenza e questa incertezza lo trascineranno in una sorta di crisi d’identità di cui approfitterà il suo antagonista (Corelli) permettendogli di trascinarlo quasi fino all’Inferno pur di fargli fare i conti con se stesso e la sua viscerale passione di scrittore.
Ancor più che nel primo volume, dove era solo quasi accennata, più marcata e concreta la presenza del Maligno che è molto forte ed importante nella cultura ispanica. L'autore si mostra quindi attaccato anche in questo alle sue tradizioni proponendoci però una sua visione che ne dà una nuova chiave di lettura. Ricorderete nell'Ombra del Vento, che un capitolo magistralmente si concludeva con Daniel alla finestra, in contemplazione di un losco individuo, con l'angosciante sensazione di rivivere una scena narrata nel libro preso al Cimitero Dei Libri Dimenticati, in cui quello stesso impersonava il Diavolo. Ne "Il gioco dell'Angelo" invece l'incarnazione di Lucifero interviene in prima persona nella storia e ne decide il tragico epilogo.
Innegabili perciò le similitudini con il Faust dato che Corelli è assimilabile al diavolo in persona con cui David fa un contratto per riuscire a diventare uno scrittore famoso e per guarire da una malattia; e con Dorian Gray, perché come il personaggio di Wild, Martìn sembra non invecchiare mai e vive la maledizione di dover continuare a vivere in eterno, assistendo alla sofferenza e alla scomparsa delle persone a lui più care.

Zafon è uno scrittore abile e appassionato. I suoi libri parlano di lui ma in parte anche di noi che abbiamo fatto dei libri e della lettura uno dei perni della nostra esistenza.
Anche questa volta è riuscito a dar vita ad una storia bellissima, indimenticabile e struggente, ma altrettanto ambigua, che ci spinge a domandarci se ciò che ha vissuto il protagonista sia accaduto davvero o sia soltanto frutto di un sogno con cui l’autore ci ha stregato.

Si finisce per diventare ciò che si vede negli occhi di quelli che si desiderano

Concludo riportando una delle citazioni che più ho apprezzato e che, pienamente, condivido:

L'invidia è la religione dei mediocri.
Li consola, risponde alle inquietudini che li divorano
e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime
e consente di giustificare la loro grettezza e la loro avidità
fino a credere che siano virtù
e che le porte del cielo si spalancheranno
solo per gli infelici come loro,
che attraversano la vita senza lasciare altra traccia
se non i loro sleali tentativi di sminuire gli altri e di escludere,
e se possibile distruggere, chi, per il semplice fatto di esistere e di essere ciò che è,
mette in risalto la loro povertà di spirito, di mente e di fegato.
Fortunato colui al quale latrano i cretini,
perché la sua anima non apparterrà mai a loro.

La Serie "Il cimitero dei libri dimenticati"

1- L'ombra del Vento
2 - Il gioco dell'angelo
3 - Il prigioniero del cielo
4 - Il labirinto degli spiriti

Trilogia della Nebbia

1 - Il principe della nebbia
2 - Il palazzo della mezzanotte
3 - Le luci di settembre

Marina

L'Autore

Carlos Ruiz Zafon è uno degli scrittori più conosciuti del panorama della letteratura internazionale dei nostri giorni e l'autore spagnolo più letto in tutto il mondo dopo Cervantes. Le sue opere sono state tradotte in più di cinquanta lingue. Ha cominciato la sua carriera nel 1993 con un libro per ragazzi: Il principe della nebbia, che insieme al Palazzo della Mezzanotte e allle Luci di settembre forma la Trilogia della Nebbia. A questa serie è seguitoMarina. Nel 2001 ha pubblicato L'ombra del Vento (Mondadori 2004) il primo romanzo della Saga del Cimitero dei libri dimenticatiche comprende Il gioco dell'angelo, Il prigioniero del cielo e il Labirinto degli Spiriti. Un universo letterario che si è trasformato in uno dei più grandi fenomeni editoriali dei cinque continenti. I suoi romanzi, in Italia, sono pubblicati tutti da Mondadori.

Il libro

editore: Mondadori
genere: narrativa
pagine: 476
prezzo: 12.50 euro
edizione paperback economica
eBook: 6.99 euro

Trama

Nella tumultuosa Barcellona degli anni Venti, il giovane David Martín cova un sogno, inconfessabile quanto universale: diventare uno scrittore. Quando la sorte inaspettatamente gli offre l'occasione di pubblicare un suo racconto, il successo comincia infine ad arridergli. È proprio da quel momento tuttavia che la sua vita inizierà a porgli interrogativi ai quali non ha immediata risposta, esponendolo come mai prima di allora a imprevedibili azzardi e travolgenti passioni, crimini efferati e sentimenti assoluti, lungo le strade di una Barcellona ora familiare, più spesso sconosciuta e inquietante, dai cui angoli fanno capolino luoghi e personaggi che i lettori de "L'ombra del vento" hanno già imparato ad amare. Quando David si deciderà infine ad accettare la proposta di un misterioso editore - scrivere un'opera immane e rivoluzionaria, destinata a cambiare le sorti dell'umanità -, non si renderà conto che, al compimento di una simile impresa, ad attenderlo non ci saranno soltanto onore e gloria.

lunedì 19 dicembre 2016

L'OMBRA DEL VENTO di Carlos Luiz Zafon - recensione

I libri perduti nel tempo,
vivono per sempre, in attesa di quel giorno
in cui potranno tornare nelle mani
di un nuovo lettore; di un nuovo spirito.


Beh, forse ci voleva proprio la venuta in Italia di Carlos Ruiz Zafon e l'uscita del quarto e conclusivo volume della serie Il labirinto degli spiriti per farmi finalmente decidere di leggere questi romanzi celeberrimi. E, se pur devo ammettere come sa bene chi mi segue, che questo non sia propriamente il mio genere, non posso che inchinarmi alla bravura di questo autore e alla sua monumentale "visione". L'ombra del vento il, primo libro della Serie Il Cimitero dei Libri Perduti, è stato letto da milioni di persone in tutto il mondo riscuotendo un enorme successo; e adesso capisco perchè. La scrittura fluida di Zafon tiene incollati alle pagine anche grazie all'atmosfera misteriosa ed inquietante che pervade la storia, di cui si vuole arrivare a capo. 

opinione di Sangueblu

L’ombra del vento è la storia di un adolescente, Daniel, che si imbatte fortuitamente nel romanzo di uno scrittore sconosciuto, Julián Carax, con il quale scoprirà di avere molto in comune: in particolar modo un amore adolescenziale impossibile che avrà per entrambi esiti diversi. Nel caso di Carax  sfocierà in tragedia e nell’impossibilità di riscattare una vita per la quale un infausto destino aveva riservato solo esilio e sofferenza. Nel caso di Daniel sfocia invece in un lieto fine obbligato dopo un dedalo infinito di dolore, vite spezzate e angosce inconsolabili.

E' la tua voce che mi tranquillizza.
E' il tuo modo di parlare, il tuo modo di chiamarmi,
quel nomignolo che mi riservi.
E' che sei tu.
E quando si tratta di te, io non lo so che mi succede.
Per quanto cerchi di trattenermi,
se si tratta di te, io sono felice.

La storia ha inizio nel 1945 e precisamente nel "Cimitero dei Libri Dimenticati". Daniel, il narratore della storia, si era recato all'età di undici anni in questo palazzo accompagnato dal padre, un libraio di Barcellona, che voleva che il figlio scegliesse un libro, tra le migliaia di volumi che erano raccolti in quel cimitero, dove pareva di sentire nell'aria l'anima dei libri e di coloro che li avevano scritti. Questa era un tradizione di famiglia in casa Sempere e il giovane Daniel venne attratto da un libro, "L'ombra del vento", scritto da un certo Julian Carax. Non appena torna a casa comincia a leggere il libro e ne rimane tanto rapito da passare tutta la notte immerso nel romanzo, smettendo solo al mattino, dopo averlo finito. Daniel, completamente affascinato, comincia a chiedersi se l'autore sia ancora in vita e se aveva scritto altri romanzi. Da lì, in età adolescenziale ed impiegato come libraio per seguire le orme del padre, Daniel cercherà senza sosta di scoprire qualcosa in più su Juliàn Carax e sui suoi altri libri - introvabili. 
Fino a che, un giorno dalla finestra vede un uomo sotto un lampione, che fumava una sigaretta che sprigionava un insolito fumo blu. E quell'uomo era proprio Carax. 
Ovviamente non posso raccontare di più, anche perchè la storia è assai complessa e costruita meticolosamente da ognuno dei numerosi personaggi che intervengono a "raccontarla". O meglio, a recitarla. Su tutti, il personaggio di FerminRomero De Torres, un vagabondo che diventerà il suo migliore e più fidato amico.

Uno degli elementi più affascinanti è indubbiamente il "setting".
Il romanzo è ambientato in una Barcellona gotica degli anni 40 e 50 del secolo scorso, che inspiegabilmente è sempre avvolta nella nebbia, in cieli lattiginosi, battuta da venti gelidi, dipinta con colori di rame liquido, sovrastata da nuvole minacciose, frustata da temporali e addirittura coperta di neve. Praticamente una visione fantasy per una città come Barcellona, nell'opinione comune sempre calda e assolata. E il fantasy pervade anche la storia stessa... dal momento che luoghi misteriosi e presenze enigmatiche fanno da impalcatura e leitmotiv a tutta la storia che si sviluppa con un meccanismo perfetto svelando pian piano segreti inconfessabili che non sono altro che i tasselli che andranno a comporre il complicatissimo puzzle che pone, su due binari paralleli e curiosamente "simili", i percorsi dei due protagonisti: Daniel e Carax che sembrano condannati a ripercorrere gli stessi passi. Anche se Carax saprà indicare a Daniel, espiando le sue colpe, la via per raggiungere la felicità. 

La scrittura di Zafon è caratterizzata da rara perizia e con l'Ombra del vento ci troviamo di fronte ad un'architettura letteraria complessa e ricca di sfaccettature anche psicologiche grazie a personaggi caratterizzati alla perfezione tanto vividi da "uscire" dalle pagine e un senso dell'atmosfera capace di avvolgere e avvincere. Una storia che va dritta fino in fondo esattamente dove deve andare; dove l'autore voleva che andasse fin dall'inizio in una sorta di visione deterministica delle cose e della vita che viene ribadita in tanti punti e in molti modi diversi all'interno del romanzo.

“Il destino aveva ordito la sua trama e, quando la storia cominciò, il finale era già stato scritto”.

Ho trovato molto bello l'epilogo, con Julian Carx che scrive un nuovo libro, L'Angelo della Nebbia, e che termina con Daniel che accompagna a sua volta suo figlio (che avrà un nome ben preciso) a cercare, come aveva fatto lui, un libro da cui rimanere affascinato per tutta la vita.

Qualcuno ha detto che nel momento in cui ti soffermi
a pensare se ami o meno una persona,
hai già la risposta.

La Serie "Il cimitero dei libri dimenticati"

1- L'ombra del Vento
2 - Il gioco dell'angelo
3 - Il prigioniero del cielo
4 - Il labirinto degli spiriti

Trilogia della Nebbia

1 - Il principe della nebbia
2 - Il palazzo della mezzanotte
3 - Le luci di settembre

Marina

L'Autore


Carlos Ruiz Zafon è uno degli scrittori più conosciuti del panorama della letteratura internazionale dei nostri giorni e l'autore spagnolo più letto in tutto il mondo dopo Cervantes. Le sue opere sono state tradotte in più di cinquanta lingue. Ha cominciato la sua carriera nel 1993 con un libro per ragazzi: Il principe della nebbia, che insieme al Palazzo della Mezzanotte e allle Luci di settembre forma la Trilogia della Nebbia. A questa serie è seguito Marina. Nel 2001 ha pubblicato L'ombra del Vento (Mondadori 2004) il primo romanzo della Saga del Cimitero dei libri dimenticati che comprende Il gioco dell'angelo, Il prigioniero del cielo e il Labirinto degli Spiriti. Un universo letterario che si è trasformato in uno dei più grandi fenomeni editoriali dei cinque continenti. I suoi romanzi, in Italia, sono pubblicati tutti da Mondadori.


Il libro

editore: Mondadori
genre: narrativa
pagine: 420
prezzo: 12.50 euro
edizione paperback economica ultraleggera
eBook: 7.99 euro

Trama

Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all'oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro "maledetto" che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell'anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra.

mercoledì 14 dicembre 2016

SEI L'ARIA CHE RESPIRO, Daniela Volontè BLOGTOUR - #5 Tappa RECENSIONE


Non ci sono parole quando ritrovi l'altra metà del tuo cuore.
Quando vivi per settimane come un funambolo
che cade di continuo  perché ha perso il suo equilibrio
e poi lo ritrova all'improvviso,
grazie a fili invisibili che lo aiutano a sorreggere il suo corpo.

Ci tenevo tantissimo a partecipare al blogtour per l'uscita di Sei l'aria che respiro di Daniela Volontè; un'autrice a me molto cara.
Oggi tocca a noi de Il bello di esser letti e vi racconterò cosa penso di questo nuovo romanzo uscito in formato eBook per Newton Compton il 12 dicembre.

editore: Newton Compton
genere: New Adult
pagine: 224
prezzo: 2.99 euro
formato eBook

Trama

Claire Ashford è la ragazza più popolare del liceo di River Lake: bella, bionda, capitano delle cheerleader e fidanzata con il quarterback della squadra di football. Ryan Matthews è uno degli studenti migliori della scuola, ma non ha molti amici e nemmeno ne vuole: ha le idee chiare circa il proprio futuro e non intende legarsi a nessuna ragazza. Quando però Claire e Ryan, loro malgrado, si ritrovano costretti a trascorrere del tempo insieme, scoprono di avere in comune molto più di quel che pensavano e la molla dell’attrazione scatta con tutta la sua potenza. Da questo momento in poi, ogni cosa è destinata a cambiare, perché la vita vera è alle porte…

opinione di Sangueblu

Per chi ci segue non è una novità che Daniela Volontè sia una delle mie scrittrici italiane preferite.
Il suo romanzo d'esordio, Buonanotte amore mio, mi ha talmente travolta e conquistata che l'hanno consacrata come una dei miei personali "must" con la promessa a me stessa - e un po' anche a voi - che da quel momento avrei sempre letto ogni sua creatura. Una promessa mantenuta; sia per quanto riguarda il mio proposito sia, soprattutto per quel che riguarda lei cioè la sua "promessa" ai lettori che nei suoi due romanzi successivi hanno ritrovato la stessa penna brillante e romantica declinata in due nuove storie appassionate e romaniche dai risvolti più stratificati.
Con questo nuovo romanzo Daniela ci sorprende e, secondo me, sbaraglia tutte le "solite" aspettative.
Sei l'aria che respiro sembra quasi un "esercizio di stile". Un romanzo totalmente nuovo, di un genere molto diverso e ancora inesplorato per lei (il New Adult) che, se pure in qualche modo simile ai precedenti perchè ciò che li accomuna è l'elemento centrale dell'amore, è senza dubbio indirizzato ad un pubblico prevalentemente più giovane perchè più giovani sono i protagonisti e i temi trattati.

Devo dire la verità: preferisco la Daniela "vecchia maniera" ma alla fine, grazie alla sua bella scrittura e al suo modo unico di trascinarti nel suo mondo e farti provare le emozioni dei suoi personaggi ha trovato la via per arrivarmi al cuore e farmi apprezzare anche questa sua nuova storia nonostante la sua debole originalità (soprattutto nella parte iniziale) e le sue forzature.

Protagonisti sono Clare e Ryan.
Due ragazzi all'ultimo anno del liceo che si sono per lo più ignorati per i due anni in cui Ryan, di origini asiatiche e costretto a trasferirsi spesso per via del lavoro di suo padre impegnato nell'esercito degli Stati Uniti d'America, era nella sua stessa scuola. Proprio i suoi tratti asiatici lo rendono oggetto di scherno, insieme al suo gruppo di amici "stranieri" o problematici, da parte del classico "bullo della scuola e capitano della squadra di football" che è solito andarci giù pesante proprio con il suo migliore amico Sam. Purtroppo questi brutti episodi e, soprattutto, un evento tragico fanno sì che Clare si renda finalmente conto di che idiota sia il suo ragazzo e si scopra invece sempre più vicina a Ryan che è un ragazzo brillante e pieno di risorse, oltre ad essere molto bello.
Le cose tra loro si fanno sempre più serie ed intense ad una velocità supersonica e, per essere un romanzo "breve" succedono davvero una miriade di fatti! Senza incappare in spoiler, perchè il bello della lettura di questo romanzo sarà proprio il percorso di crescita e di evoluzione di questa storia d'amore, vedrete che verranno toccati diversi temi: il bullismo, il rapporto con la famiglia che in questo caso non si restringe solo al campo "mamma -papà" perchè, ad esempio, ci saranno due zii fenomenali e una nonna dalla rara arguzia e sensibilità... Si parlerà di realizzazione personale e della ricerca di quel "sè che saremo da grandi" perchè entrambi si trovano alla soglia delle importanti decisioni che devono prendere i ragazzi della loro età. (Per certi aspetti anche qualcuna in più del "dovuto" e del "necessario" a quell'età, ma per loro le cose sono andate così...)
Si parlerà, anche solo sfiorandola, di guerra e paura.

Quello che mi piace notare nei romanzi di Daniela Volontè è la sua "attenzione" alle questioni razziali e il suo inserire spesso personaggi "meticci" pieni di fascino e cose belle da dire e da dare. Un modo molto belli e naturale per farci pensare a quella che è a realtà. Viviamo in un melting pot, una società "globale" che è un "miscuglio" di razze e provenienze quotidiano. E' bello che qualche volta nei romanzi i protagonisti non siano "ariani".

In questo romanzo troverete tante scene di sesso esplicito, perciò, se siete tra coloro che gradiscono anche una bella dose di peperoncino piccante, non resterete deluse. (Daniela forese si sta preparando - o ci sta preparando - a tutto quello che ci farà vivere nel suo romanzo a quattro mani con la regina del dark romance erotico italiano Sylvia Kant ... ^_^ ) Io onestamente preferisco quando viene tutto lasciato più in sospeso e all'immaginazione e forse anche per questo ho preferito i precedenti romanzi della Volontè. Ma questa è solo la mia opinione di "gusto" perchè obiettivamente quello che Daniela vividamente ci descrive non è niente di meno di quello che ci si potrebbe aspettare da due ragazzi di quell'età e in quella fase della vita, perciò ci stanno tutte! E il grande pregio dell'autrice è quello di non cadere mai in volgarità o voyeurismo gratuito.

L'amore tra Claire e Ryan è puro, totale e totalizzante. Quell'amore talmente grande da diventare altruista, tanto da pensare di rinunciare alla propria felicità per il bene dell'altro; folle tanto da far fare la pazzia più grande di tutte, e sconfinato.
Perchè il vero amore può abbattere tutte le barriere e superare ogni ostacolo.

Quattro parole.
Ho. Bisogno. Di. Te.
Quattro semplici parole che prese da sole non significano nulla di particolare,
ma insieme sono una bomba che abbatte il muro costruito nelle ultime settimane
per ripararmi dalla sofferenza.
Quattro parole e tutte le mie difese crollano come un castello di carta.


Il blogtour continua domani su Bookish Advisor dove l'autrice ci svelerà tante curiosità e probabilmente risponderà anche a tante delle vostre domande, nell'intervista di Susi! Non perdetevela.
E se vi è piaciuto questo Blogtour e la nostra tappa, unitevi ai nostri lettori fissi! :-)


giovedì 8 dicembre 2016

LOVING THE DEMON di Nicole Teso - Cover Reveal

Oggi è arrivato finalmente il giorno per svelare la cover del primo romanzo di una nostra cara amica blogger che ha deciso di cimentarsi nella scrittura del suo primo romanzo; a voi la parola per giudicare il suo talento in cui noi crediamo ciecamente.
Un'assoluta certezza è la meraviglia della cover! Stupenda non è vero? Ma quando dietro c'è lo "zampino" di Pamela Fattorelli e del suo Catnip Design la bella figura è assicurata. Noi questa immagine l'adoriamo e non vediamo l'ora di leggere il libro!


Se vi piacciono le storie Dark RomanceLOVING THE DEMON fa esattamente al caso vostro! Uscirà il 30 Gennaio 2017  ma, nel frattempo, potete lasciarvi incuriosire dalla sinossi!



Loving the Demon

Las Vegas era l’occasione per iniziare una nuova vita e seppellirmi il passato alle spalle.
Non avrei mai potuto immaginare che sarei stata rapita e rinchiusa in una cella buia, pronta a diventare una schiava del piacere.
Jake Evans mi distruggerà, piegandomi ai suoi desideri e consumando la mia anima.
Lui è la mia condanna a morte.
Lei avrebbe dovuto essere una prigioniera come tutte le altre, pronta a soddisfare i desideri dei miei clienti.
Non avrei mai potuto immaginare che mi avrebbe dato così tanto filo da torcere.
Brittany Moore sta sfondando le barriere nella mia testa, facendomi crollare e riportando a galla un passato che credevo sepolto.
I demoni mi stanno reclamando…
Lei è il mio tormento.


L'Autrice


Nicole Teso nasce il 10 novembre 1996 a San Donà di Piave, una città in provincia di Venezia.
Parrucchiera di giorno e lettrice compulsiva di notte, è amministratrice di un blog letterario e ama la scrittura fin dalla tenera età.
Le sue storie preferite sono popolate da protagonisti oscuri e devastati.
Loving the demon è il suo primo romanzo.
Per essere sempre aggiornato sulle novità, clicca "mi piace" alla pagina ufficiale.


giovedì 1 dicembre 2016

RELEASE PARTY: UNRAVEL ME di Tahereh Mafi




Esce oggi UNRAVEL ME  il secondo atteso libro della serie Shatter Me di Tahereh Mafi, una Serie che ci ha regalato e lo farà ancora di più con questo secondo capitolo, adrenalina, batticuore e una storia d'amore bellissima! Per rendere speciale questa uscita e diffondere questa serie in modo che riceva la giusta gloria che merita partecipiamo al Release Party che ha coinvolto tanti altri Blog. Seguite l'evento su Facebook #UnRavelMeReleaseParty e troverete tutto quello che c'è da sapere su Unravel me.



Titolo: Unravel me
Autore: Tahereh Mafi
Editore: Rizzoli
Genere: Distopico Fantasy
Data pubblicazione: 1 dicembre 2016
Pagine:540
Prezzo cartaceo : 14,88 €
Prezzo ebook: 8,99 €

L'autrice


Tahereh mafi è un'autrice statunitense di origine iraniana. E' nata bel 1988 in una piccola cittadina del Connecticut. Oggi vive a Santa Monica in California. Shatter Me è stato il suo primo romanzo pubblicato nel Novembre 2011.I diritti cinematografici di Shatter me sono stati acquistati dalla 20th Century Fox films.

 La Serie SHATTER ME:
  • 1 Shatter me (recensione Qui)
  • 1.5 Destroy me (novel ebook)
  • 2 Unravel me
  • 2.5 Fracture me ( novel ebook)
  • 3 Ignite me 



Trama

Juliette è sfuggita alla Restaurazione e al suo leader che intendeva usarla come arma. Da quando vive al Punto Omega è libera di amare Adam, ma non sarà mai libera dal proprio tocco letale, né da Warner, che la desidera più di quanto lei credesse possibile. Tormentata dal passato e incapace di pensare al futuro, Juliette sa che dovrà compiere delle scelte difficili. Accettare il proprio potere distruttivo per metterlo al servizio della resistenza e, soprattutto, allontanare Adam pur amandolo con tutta se stessa.

giovedì 24 novembre 2016

Blogtour : NON DIRGLI CHE TI MANCA di Alessandra Angelini


“I sogni sono fantasie grandiose,
la spinta per affrontare la quotidianità.
A volte, in una percentuale infinitesima, si realizzano
 allora vita e sogno si fondono.
È per questi momenti che piangiamo e respiriamo,
per vederli realizzati”.

editore: Newton Compton
genere: contemporary romance musicale
pagine: 446
prezzo: 9.90 euro
Rilegato
eBook: 4.99 euro

Trama

Isabella è a pezzi: da un lato deve vedersela con un padre di successo, per il quale non ci sono possibilità di futuro se non quello che ha immaginato lui stesso per sua figlia. Dall'altro perché il suo fidanzato, quello che secondo tutti era il ragazzo perfetto per lei, la tradisce spezzandole il cuore. Così Isabella decide che è arrivato il momento di cercare la propria strada e trasferirsi da Roma a Bologna per studiare. Ma la vita è sempre pronta a sorprenderti: nel caso di Isabella l'imprevisto si chiama Denis, tatuatissimo batterista dei Bad Attitude. Farfalle nello stomaco e un desiderio mai provato prima sono gli effetti secondari di quell'incontro, che culmina in una notte di sesso bollente. I due si imbarcano in una relazione turbolenta, fatta di lunghe separazioni, resa complicata dall'insofferenza del padre di lei e dalle insicurezze di Isabella. Nonostante le differenze sociali, quello che Denis e Isabella provano l'uno per l'altra è un sentimento insopprimibile, forte e delicato, violento e dolce allo stesso tempo, qualcosa che va oltre le regole ma che non sembra destinato a finire, come quelle melodie che entrano nella testa e non se ne vanno più...





Benvenuti alla sesta tappa nel Back Stage di quella che, diciamocelo, sta ormai diventando la nostra band preferita!!! ^_^
Vi sta piacendo questo viaggio? Oggi, Il bello di esser letti vi porterà a visitare alcuni dei club più importanti d'Italia, dove si sono esibiti - e dove si esibiranno nel prossimo futuro - i Bad Attitude! Partiamo proprio dall'Alcatraz che è stato il locale dove c'è stato il primo magico incontro tra Isabella e l'affascinante batterista che le ruba il cuore, fin dal primo istante...
Se volete un accompagnamento musicale alla lettura di questo post, cliccate sul video e godetevi Love will tear us apart dei Joy Division che è un po' l'emblema della storia tra Denis e Isabella. 



ALCATRAZ - Milano



L'Alcatraz è una delle location musicali più conosciute di Milano. Discoteca nel week-end, durante gli altri giorni è luogo di eventi e concerti di artisti di tutto il mondo. 
Grandi nomi del panorama musicale, soprattutto rock, si sono alternati sul palco di questa gigantesca discoteca.
Di venerdì nella prima sala, la più grande, c'è il divertente Dj Angelo, Alex Farolfi e guest dj a rotazione. Nella seconda sala rock revival con i migliori successi del passato a cura di dj Gaucho. Sabato Graziano Melzi e dj Gaucho, in una sala, animano la serata con il rock contemporaneo; nella seconda sala Rock Revival con il dj Fallisi e nella terza pista Heavy Metal contemporaneo con successi del passato memorabili.
Davvero troppo lunga da elencare la Hall of Fame degli artisti ospitati da questa struttura: citerei Justin Bieber, Ed Sheeran, The Script, Afterhours, Emis Killah, J-Ax, Piero Pelù, Europe, Red Hot Chilly Peppers, Amy Winehouse, Alice Cooper, The Darkness,  Demi Lovato, Marylin Manson, Jason Derulo.


ESTRAGON - Bologna 




ESTRAGON è una realtà del territorio bolognese conosciuta in Italia e in Europa per il suo lavoro e per la sua produzione di eventi nel settore musicale. Ormai attiva da oltre 20 anni, l'Estragon Club è diventato locale di riferimento per scatenarsi ai ritmi dell'indie, ricaricarsi con l’energia dell'electro clash, dondolarsi ai suoni reggae e "rifarsi le orecchie" con il miglior rock in circolazione.
Forse il locale più “ospitale” della città, sia che questo comporti invasioni di metallari in divisa di pelle, oppure orde di ragazzi con cravattini stretti e occhialoni indie-nerd o, ancora, qualcuno che sia semplicemente alla ricerca di concerti-evento o di una serata rock o world music.

Negli ultimi venti anni, il locale ha ospitato i più grandi artisti internazionali ed italiani:
Editors, Bloc Party, Franz Ferdinand, Paul Weller, Modest Mouse, Damien Rice, Interpol, Babyshambles, Mogwai, Queens of the Stone Age, Of Monsters and Men, The Lumineers, 2Cellos, The Lemonheads, Skunk Anansie, Wilco, The Kooks, Caribou, Lauren Aitken ,Tomahawk, Doves, Low, Lambchop, Gomez, Juliette Lewis and the Licks, Melissa Auf Der Maur, Einstürzende Neubauten, The Radio Dept, Pavement, The Notwist, Deus, PIL, Europe, Zita Swoon, Mastodon, Babymetal, J-Ax, Elisa, Fedez, Vinicio Capossela, Elio e le Storie Tese, Francesco De Gregori, Subsonica, Bluvertigo, Verdena, Afterhours, Max Gazzè, Daniele Silvestri, Piero Pelù, Litfiba, Niccolò Fabi... e tanti altri...

TENAX - Firenze



E’ il settembre del 1981 e Firenze è in preda ai furori della new wave, del dark, del punk, ovvero il nuovo sound che arriva dal Regno Unito.
Un manipolo di giovani (alcuni giovanissimi) imprenditori decide di creare una discoteca nuova, alternativa, attenta ai nuovi stili: nasce così il Tenax. Il boom non è immediato, ma nell’arco di pochi mesi il locale diventa un punto di incontro per artisti, stilisti e musicisti emergenti, una sorta di Greenwich Villagge del capoluogo toscano, e non solo.
Musicofili di buona memoria ricorderanno concerti di gruppi come Spandau Ballet, Visage, Bauhaus, Psychedelic Furs, New Order, Sisters of Mercy. come dire, il gotha musicale di allora.
Alla consolle del locale si alternano Frank Alabastro, Enrico Tagliaferri, Larry, Leo Daddi: Dj dallo stile personalissimo e destinati ad entrare nella storia del nightlife, perché di lì a poco il Tenax diventa la discoteca più famosa d’Italia.
Sono gli anni dei mercoledì Ultra, degli allestimenti Blade Runner, delle serate China Town mentre sul palco salgono Tears For Fear, Tuxedo Moon, Human League, D.A.F., Litfiba, Frankie Goes To Hollywood. L’allora Ministro Gianni De Michelis segnala ampiamente il Tenax nella sua guida delle discoteche più famose.
Tra le migliaia di persone che affollano il locale, folte schiere di vip: Vittorio Gasman, Dalila Di Lazzaro, David Byrne, Roberto Benigni, Ilona Staller, Amanda Lear. Nella seconda metà degli anni ’80 il cambio di rotta: il locale apre i battenti alle nuove generazioni e nuove fasce di pubblico.
Nei primi anni ’90 il Tenax tempio della musica rock è solo un ricordo.
L’incertezza che aleggia su tutto il nightlife costringe a cambiare repentinamente programmazione, passando dal commerciale alla tendenza, alla discoteca per teen-agers. Nel 1995 il Tenax viene acquistato dalla società Nozze di Figaro ed è la rinascita: grazie ad una programmazione ricca di eventi live e ospiti internazionali, lo spazio fiorentino conquista di nuovo i nottambuli.
Il segreto? Un palinsesto variegato e all’insegna della qualità, con appuntamenti settimanali dedicati a diverse fasce di pubblico: tra le serate clou di quegli anni ricordiamo i mercoledì tropicali, i giovedì rock, i martedì heavy…. In sei stagioni targate Nozze di Figaro, il palco del Tenax ha ospitato oltre quattrocento eventi live, con artisti come Gary Barlow, Everything But The Girl, Shaggy, Paul Weller, Carmen Consoli, Daniele Silvestri, Spooky, Tricky, Patty Pravo, Ben Harper, Morcheeba, Fun Lovin’ Criminals…
Il mondo dello spettacolo evolve velocemente e Tenax non perde un colpo: siamo arrivati al terzo millennio e i nuovi mostri sacri della musica, adesso, sono i Dj: nella fabbrica di spettacolo Tenax arrivano quindi i profeti dell’house, Dj/produttori/compositori come Ashley Beedle, Little Louie Vega, François Kevorkian, Dimitri From Paris, Ralf, Alex Neri. La cornice stavolta si chiama Nobody’s Perfect ed è l’appuntamento del sabato, un rendez-vous all’insegna dell’house (quella buona) con ospiti provenienti da ogni angolo del globo. Ogni settimana un Dj diverso: dagli States, dall’Inghilterra, da Parigi, Rotterdaam.
L’atmosfera è dichiaratamente fashion, onirica. In sala si muove un pubblico selezionatissimo, eccentrico, colorato.


PALA ATLANTICO - Roma


ATLANTICO è il nuovo spazio per la musica e gli eventi a Roma. Non esiste nella Capitale un altro spazio capace di accogliere eventi live di media capacità, ovvero intorno ai 3500/4000 spettatori. Gli altri spazi disponibili, per lo più frutto dell’entusiasmo degli organizzatori, sono sempre stati sottodimensionati e non a norma, o sovradimensionati e quindi troppo costosi e dispersivi. Numerosissimi sono gli esempi di eventi live che Roma ha perso e continua a perdere rispetto alle grandi città del Nord, in Italia ed in Europa.
Finalmente anche a Roma saranno possibili i centinaia di concerti che ogni anno lambiscono il Nord della penisola e non scendono nella capitale per mancanza di spazi. Anche così Roma si avvicina di più all’Europa. Eventi e spettacoli di tutti i calibri, dal grande appuntamento rock, all’artista di culto, potranno intersecarsi anche nella programmazione dei vari Festival, fungendo da contrappunto o diversivo e riproponendo tematiche già esplorate, in modo da proporre un programma complessivo inteso come un’integrazione coerente e non come un contenitore casuale di vario materiale.
Il filo artistico e culturale che caratterizza l’attività di ATLANTICO contribuisce a definirne l’identità unica rispetto all’offerta artistica e culturale del resto della capitale, recuperando la sua vocazione di rock club e dotandola di tutti quei requisiti che, oggi, uno spazio dedicato ai giovani deve avere per ospitare tutte le forme di live entertainment.

In primis, un impianto audio in grado di recuperare il valore di un’esperienza dal vivo (“sentire” un concerto, non solo vederlo), consentendo la giusta interazione emotiva tra il pubblico e l’artista. Poi un impianto luci e proiezioni all’avanguardia: schermi led, proiettori video digitali ad alta definizione, star lights, scanner, laser. Infine, una configurazione flessibile per eventi di diversa realizzazione: dai concerti agli spettacoli di “teatro fisico” e nouveau cirque, dall’electro-cabaret alla nuova opera e al musical. Tra gli artisti che hanno calcato e calcheranno questi palchi ricorderei i Tokyo Hotel, Gianluca Grignani , Marracash, Gue Pechegno, Max gazzè, Lorenzo Fragola, Raf, Tiromancino, Elisa, Verdena, Bandabardò, 2Cellos, The Game, Blue, Marlene Kunz, Neffa e molti altri.

VELVET - Rimini


Sulle colline di Rimini, dal 1989, il Velvet Club & Factory, è il locale più alternativo della riviera. Un club polifunzionale di 2500 mq diviso in tre sale, due palchi, un’area pizzeria e fast food dove rifocillarsi, area merchandising, uffici, laboratori, 2 camere e un meraviglioso lago.
Il Velvet, figlio dello Slego di Viserba, propone musica di qualità in concerti e dj sets di ogni genere con ospiti di italiani e internazionali: più di mille concerti e dj set in più di trenta anni di storia.
L’offerta musicale è sterminata, si passa dal rock all’afro, dal reggae all’elettronica, dalla dubstep alla musica degli anni ’60 per una commistione di suoni provenienti da tutto il mondo.
Ma il Velvet è soprattutto un work in progress, non è mai lo stesso. Ogni stagione si rinnova, propone, sperimenta. E siccome essere club era troppo poco si è dilatato nella Factory, culla di idee e progetti nelle performing arts.
Se siete curiosi di conoscere alcuni prestigiosi nomi che hanno allietato con la loro musica le notti romagnole vi propongo la mia selezione: Muse, Blur, Ramones, Subsonica, Black Sabbath, Jamiroquai, Blu Vertigo, 99Posse, Caparezza, Carmen Consoli, Nina Zilli, Africa Bambata, Negramaro, Almanegretta, Yussou N'dour

DEMODE' - Bari



Il Demodè Club è un contenitore musicale e culturale che ha fatto della contaminazione il suo credo aziendale. Vecchio e nuovo, qualità e convenienza, divertimento e attenzione al sociale, grandi artisti ed esordienti: punti di vista tradizionalmente antipodali ma che nella dimensione del Demodè trovano una felice collocazione. Completandosi, mescolandosi, arricchendosi.
Il cartellone artistico del Demodè va dai live-show dei grandi nomi della musica nazionale ed internazionale (da Caparezza a Boy George) ai talenti emergenti in cerca di nuovi palchi da calcare (da Next Generation ad Endorphin); dalle serate a tema da ballare (da 300 ai White Party) alle performance da guardare (dal burlesque ai musical); dal rock all'hip hop, passando per la dance anni '90. 
Sano divertimento, no alla droga, no alla violenza, no alla delinquenza: non sono utopie, ma realtà di casa al Demodè. Sicurezza è una parola cara a cui il Demodè non ha mai rinunciato e di cui non ha mai abusato. Numerose le iniziative e le campagne di sensibilizzazione intraprese contro le stragi del sabato sera.
Demodè Club è un riferimento per il Mezzogiorno d'Italia.
Demodè Club è un esempio virtuoso tra gli operatori del mondo della notte.
Demodè Club vuole continuare ad essere trasversale, sicuro, solidale, aperto alle nuove generazioni.

Sul palco del Demodè nome come: Salmo, Ermal Meta, Emis Killa, Verdena, Marlene Kuntz, Fabri Fibra, Baustelle, J-Ax, Neffa, Negrita, Nina Zilli.

Siate sinceri... Non vi è venuta una gran voglia di ballare? Siete stati in qualcuno di questi famosi locali? Raccontatecelo nei vostri commenti e provate a vincere uno dei numerosi premi in palio!

Regolamento

- Diventare fan della pagina autore FB di Alessandra Angelini

- Diventare fan delle pagine FB dei blog partecipanti

- Diventare lettori fissi di tutti i blog partecipanti al tour




- Lasciare un commento a ognuna delle tappe

- Condividere una delle tappe sul proprio profilo FB in modalità pubblica,
taggando almeno un amico.

a Rafflecopter giveaway

mercoledì 23 novembre 2016

Segnalazione: IL LABIRINTO DEGLI SPIRITI di Ruiz Zafòn


Dodici anni dopo L'ombra del vento, Carlos Ruiz Zafón torna con un'opera monumentale per portare a compimento la serie del Cimitero dei Libri Dimenticati. Il labirinto degli Spiriti è un romanzo fatto di passioni, intrighi e avventure. Attraverso queste pagine ci troveremo di nuovo a camminare per stradine lugubri avvolte nel mistero, tra la Barcellona reale e il suo rovescio, un riflesso maledetto della città. E arriveremo finalmente a scoprire il gran finale della saga, che qui raggiunge l'apice della sua intensità e al tempo stesso celebra, maestosamente, il mondo dei libri, l'arte di, raccontare storie e il legame magico che si stabilisce tra la letteratura e la vita.

editore: Mondadori
genere: narrativa
pagine: 819
prezzo: 23.00 euro
Rilegato
eBook: 10.99 euro

Trama

Barcellona, fine anni '50. Daniel Sempere non è più il ragazzino che abbiamo conosciuto tra i cunicoli del Cimitero dei Libri Dimenticati, alla scoperta del volume che gli avrebbe cambiato la vita. Il mistero della morte di sua madre Isabella ha aperto una voragine nella sua anima, un abisso dal quale la moglie Bea e il fedele amico Fermín stanno cercando di salvarlo. Proprio quando Daniel crede di essere arrivato a un passo dalla soluzione dell'enigma, un complotto ancora più oscuro e misterioso di quello che avrebbe potuto immaginare si estende fino a lui dalle viscere del Regime. E in quel momento che fa la sua comparsa Alicia Gris, un'anima emersa dalle ombre della guerra, per condurre Daniel al cuore delle tenebre e aiutarlo a svelare la storia segreta della sua famiglia, anche se il prezzo da pagare sarà altissimo.

Serie "Il Cimitero dei Libri dimenticati"

L'OMBRA DEL VENTO : A Barcellona, una mattina d'estate del 1945 il proprietario di un negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo segreto dove vengono sottratti all'oblio migliaia di volumi di cui il tempo ha cancellato il ricordo.
E qui Daniel entra in possesso di un libro maledetto che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un mondo di misteri e intrighi legato alla figura di Julián Carax, l'autore di quel libro. Daniel ne rimane folgorato, mentre dal passato iniziano a emergere storie di passioni illecite, di amori impossibili, di amicizie e lealtà assolute, di follia omicida e di un macabro segreto custodito in una villa abbandonata. Una storia in cui Daniel ritrova a poco a poco inquietanti paralleli con la sua vita.
Uscito in sordina in Spagna nel 2001, L'ombra del vento è divenuto un incredibile successo grazie al solo tam-tam dei lettori. L'esordio sulla scena internazionale di uno straordinario narratore.


IL GIOCO DELL'ANGELO : Nella tumultuosa Barcellona degli anni Venti, il giovane David Martín cova un sogno: diventare uno scrittore. E quando riesce a pubblicare un racconto, il successo arriva. Ma da quel momento la sua vita comincerà per la prima volta a porgli interrogativi ai quali non ha immediata risposta, esponendolo come mai prima di allora a imprevedibili azzardi e travolgenti passioni, crimini efferati e sentimenti assoluti, lungo le strade di una Barcellona sconosciuta e inquietante. Quando David si deciderà infine ad accettare l'offerta, fattagli da un misterioso editore, di scrivere un'opera tanto immane quanto rivoluzionaria, non si renderà conto che, al compimento di una simile impresa, ad attenderlo non ci saranno soltanto onore e gloria...
Con uno stile scintillante e grande sapienza narrativa, l'autore de L'ombra del vento torna a guidarci tra i misteri del Cimitero dei Libri Dimenticati, regalandoci una storia in cui l'inesausta passione per i libri, la potenza dell'amore e la forza dell'amicizia si intrecciano ancora una volta in un connubio irresistibile.

IL PRIGIONIERO DEL CIELO : Nel dicembre del 1957 un lungo inverno di cenere e ombra avvolge Barcellona e i suoi vicoli oscuri. La città sta ancora cercando di uscire dalla miseria del dopoguerra, e solo per i bambini, e per coloro che hanno imparato a dimenticare, il Natale conserva intatta la sua atmosfera magica, carica di speranza. Daniel Sempere - il memorabile protagonista di L'ombra del vento - è ormai un uomo sposato e dirige la libreria di famiglia assieme al padre e al fedele Fermín con cui ha stretto una solida amicizia. Una mattina, entra in libreria uno sconosciuto, un uomo torvo, zoppo e privo di una mano, che compra un'edizione di pregio di Il conte di Montecristo pagandola il triplo del suo valore, ma restituendola immediatamente a Daniel perché la consegni, con una dedica inquietante, a Fermín.
Si aprono così le porte del passato e antichi fantasmi tornano a sconvolgere il presente attraverso i ricordi di Fermín. Per conoscere una dolorosa verità che finora gli è stata tenuta nascosta, Daniel deve addentrarsi in un'epoca maledetta, nelle viscere delle prigioni del Montjuic, e scoprire quale patto subdolo legava David Martín - il narratore di Il gioco dell'angelo - al suo carceriere, Mauricio Valls, un uomo infido che incarna il peggio del regime franchista.
Carlos Ruiz Zafón torna al genere che lo ha reso famoso in tutto il mondo e alla saga tanto amata dai suoi lettori con un nuovo appassionante episodio che si inserisce nell'universo letterario del Cimitero dei Libri Dimenticati. Il Prigioniero del Cielo riannoda le trame di L'ombra del vento e Il gioco dell'angelo, e getta luce sui misteri che erano rimasti insoluti solo per aprire nuovi inquietanti interrogativi. E soprattutto ci trascina nel turbine di una narrazione carica di tensione e colpi di scena, in grado di trasmetterci, con la forza delle emozioni, il lato più cupo dell'animo umano, ma anche di sedurre con il fascino sottile di una Barcellona in chiaroscuro che non smette di stregarci.

Le altre opere

La Trilogia della Nebbia

1 - Il principe della nebbia
2 - Il palazzo di mezzanotte
3 - Le luci di settembre

Marina

L'Autore


Autore di successo mondiale, vive dal 1993 a Los Angeles, dove è impegnato nell'attività di sceneggiatore. Collabora regolarmente con le pagine culturali di El Pais e La Vanguardia. Tradotte in oltre quaranta lingue, le sue opere hanno conquistato milioni di lettori e numerosi premi nei cinque continenti. Ha iniziato la sua carriera con una serie di libri per bambini e ragazzi, tra cui Il Principe della Nebbia. Nel 2001 esordisce nella narrativa per adulti con l'Ombra del Vento che è diventato, dopo una partenza in sordina, un vero e proprio fenomeno letterario, con più di 8 milioni di copie vendute in tutto il mondo.


In occasione dell'uscita de Il labirinto degli spiriti faremo sul blog una rilettura dei tre precedenti volumi della serie, proponendovene la recensione. Appuntamento con l'Ombra del vento è il 30 novembre.

mercoledì 16 novembre 2016

NON DIRGLI CHE TI MANCA di Alessandra Angelini

E' con particolare affetto ed emozione che scrivo oggi questo post per ricordare che domani è un giorno importante!
La realizzazione di un sogno di una bravissima scrittrice (diventata in questi mesi una cara amica) che è un po' anche il mio fin da quando, ormai un anno fa, lessi il suo romanzo quando era un self: vederla pubblicata da una grande Casa Editrice. Domani quel desiderio - più che meritato - diventa realtà e potremmo stringere tra le mani la nostra copia del romanzo di Denis e Isabella grazie alla Newton Compton che, bisogna ammettere, più di ogni altra CE ha la capacità di ascoltare noi lettrici e noi blogger per spingere  e proteggere sotto la sua importante ala, penne meritevoli della nostra penisola.
Ed ecco quindi che, finalmente, è arrivata anche la volta di Alessadra Angelini con il suo Non dirgli che ti manca
Questo il nuovo titolo di quello che ho conosciuto come "La mia musica sei tu": un libro che mi ha fatto irrimediabilmente innamorare perchè, come pochi altri, ha avuto la capacità di farmi completamente immedesimare respirando la sua aria, i suoi profumi e le sue mille note, proprio come fosse, in un certo senso, lo specchio della mia vita. 
Isabella è una ragazza in gamba e determinata, figlia della borghesia romana che, nonostante dalla vita sembra aver avuto tutto, ha subito molte delusioni e ha un rapporto molto sbilanciato e conflittuale con la sua famiglia; Denis è un batterista, ambizioso e sexy, che fa parte dei Bad Attitude - una band emergente - che avrà largo spazio nella dinamica della storia. Storia che non parla solo di amore e musica ma anche di crescita, di cambiamento, di salvezza e di rinascita.
Una storia che vi rapirà dalla prima all'ultima pagina e vi lascerà tante emozioni e, forse, anche una gran voglia di ballare e cantare sotto a un palco...


Da domani in libreria


17 Novembre 2016

editore: Newton Compton
genere: Contemporary romance musicale
pagine: 446
prezzo: 9.90 euro
Rilegato
eBook: 4.99 euro

Trama

Isabella è a pezzi: da un lato deve vedersela con un padre di successo, per il quale non ci sono possibilità di futuro se non quello che ha immaginato lui stesso per sua figlia. Dall'altro perché il suo fidanzato, quello che secondo tutti era il ragazzo perfetto per lei, la tradisce spezzandole il cuore. Così Isabella decide che è arrivato il momento di cercare la propria strada e trasferirsi da Roma a Bologna per studiare. Ma la vita è sempre pronta a sorprenderti: nel caso di Isabella l'imprevisto si chiama Denis, tatuatissimo batterista dei Bad Attitude. Farfalle nello stomaco e un desiderio mai provato prima sono gli effetti secondari di quell'incontro, che culmina in una notte di sesso bollente. I due si imbarcano in una relazione turbolenta, fatta di lunghe separazioni, resa complicata dall'insofferenza del padre di lei e dalle insicurezze di Isabella. Nonostante le differenze sociali, quello che Denis e Isabella provano l'uno per l'altra è un sentimento insopprimibile, forte e delicato, violento e dolce allo stesso tempo, qualcosa che va oltre le regole ma che non sembra destinato a finire, come quelle melodie che entrano nella testa e non se ne vanno più...

E... da domani, anche una grandissima sorpresa per tutti voi che ci seguite! Restate sintonizzati perchè vi porteremo niente di meno che
nel Back Stage dei Bad Attitude
per un tour a tutta musica!!!