giovedì 16 marzo 2017

Anteprima: CARRY ON di Rainbow Rowell

Se siete appassionate di Rainbow Rowell e dei suoi libri avete ben due motivi per gioire: il primo è che il 21 Marzo uscirà Carry on, il nuovo romanzo "fan fiction" che soddisferà tutte le nostre curiosità su Simon e Baz ed il secondo... beh, tenetevi forte, perchè avrete la possibilità di incontrarla a Firenze!

Rainbow sarà presente alla libreria Feltrinelli di via de' Cerretani alle ore 18.00 per incontrare i suoi fan e firmare le copie del nuovo romanzo, e perchè no, anche dei suoi precedenti successi: Per l'@more basta un clic, Eleanor e Park e Fangirl.

CARRY ON

editore: Piemme
genere: Young Adult
pagine: 540
prezzo: 17.00 euro
Rilegato
eBook. 9.90 euro

Trama

Dividere la stanza con la persona che odi di più è come dividerla con una sirena (di quelle che stanno sulle auto della polizia, non di quelle che cercano di bloccarti quando attraversi il canale della Manica). Non puoi ignorarla, e nemmeno abituartici. Non smetterà mai di darti fastidio. Dividere la stanza con la persona che desideri più di ogni altra al mondo è come dividere la stanza con un falò. Lui non fa che ammaliarti. E tu non fai che avvicinarti troppo. Pur sapendo che non ne uscirà mai nulla di buono. Ma tu insisti finché... Be', finché non ti bruci.


Insomma, avete capito. Se, come noi, siete rimasti ammaliati dalla fan fiction creata dall'abile penna di Cath nel romanzo Fangirl e volete leggerne ancora e ancora perchè la storia di Simon e Baz vi ha incendiato il cuore e ha lasciato troppe cose in sospeso, ora troverete pane per i vostri denti! Un libro nel libro per continuare a farci sognare... 

Rainbow Rowell


Vive in Nebraska con il marito e i due figli. Il suo primo libro, Per l'@more basta un clic ha ricevuto un consenso unanime di pubblico e critica negli USA e in UK. Eleonor e Park - Per una volta nella vita, il libro che l'ha consacrata come erede di John Green, è stato segnalato da Amazon tra i migliori del 2013. Da ormai tre anni è una presenza fissa nella classifica bestseller del New York Times.

mercoledì 15 marzo 2017

Blogtour: LA MERAVIGLIA DI ESSERE SIMILI di Daniela Volontè


Daniela Volontè 
si racconta ai lettori

Che onore per noi aprire questo nuovo Blogtour per presentarvi il nuovo romanzo della nostra amata Daniela Volontè, che uscirà il 23 Marzo: La meraviglia di essere simili
In questa prima tappa Daniela si racconta a tutti i suoi fan con curiosità e vere e proprie chicche! Addirittura le sue migliori amiche ci parlano di lei, esprimendo con il cuore tante cose che pensiamo anche noi su di lei pur non conoscendola altrettanto bene! (Daniela sei fantastica e sai farti volere un gran bene!!) Speriamo che vi piaccia questo viaggio a tutto tondo nel mondo di Daniela Volontè! <3

editore: Newton Compton
genere: romance contemporaneo
pagine: 288
prezzo: 9.90
Rilegato
eBook: 4.99 euro

Trama

Per dimenticare un passato doloroso, Elisabeth ha deciso di lasciare New York e di trasferirsi nella cittadina di Watertown, dove lavorerà come insegnante nel liceo locale. Quando entra in aula, il primo giorno di scuola, non immagina certo che la sua vita stia per essere sconvolta... A cambiare ogni cosa sarà Alexander, un ragazzo di diciassette anni. Come Elisabeth, anche Alex è stato ferito, e il suo presente non va granché meglio: la madre è alcolizzata e lui deve prendersi cura della sorella più piccola, Julia, di soli sei anni. Dal loro primo incontro, Elisabeth non riesce a smettere di pensare a lui. È il dolore a unire i loro destini, eppure quando sono insieme la sensazione che provano è quella di pace. Elisabeth sa bene che non può permettersi alcun tipo di coinvolgimento: Alex è minorenne e oltretutto è un suo allievo. Ma, giorno dopo giorno, ignorare i sentimenti diventa sempre più difficile...


Buongiorno a tutti,
Come prima cosa vorrei ringraziare di cuore tutte le blogger che hanno organizzato questo splendido blogtour. Grazie tantissimo!
Quando mi hanno chiesto di scrivere questa sorta di presentazione, ammetto di essere andata un po’ nel panico. Non mi piace parlare di me, specialmente a ruota libera. Quando mi pongono delle domande, tutto è più semplice! Però ho pensato che fosse l’occasione ideale per far capire chi c’è dietro alle storie che, forse, qualcuno di voi ha letto. E così ho riflettuto su come farmi conoscere un po’ di più… Perciò, se vi può interessare, seguitemi in questo sconnesso e delirante monologo… :-D
Vi anticipo che parlerò poco di scrittura, esperienze vissute, opinioni, progetti futuri e bla bla bla… Insomma, eviterò tutto quello che potrebbe farvi sbadigliare già alla prima riga. Suddividerò quest’articolo in vari capitoletti, così sarete liberi di saltare dove v’interessa di più, evitando di narcotizzare voi… e pure me stessa.


Dove scrivo? 

È una domanda che raramente mi hanno posto… E ne sono felice! Perché in verità spesso le persone s’immaginano che chi scrive abbia una vista mozzafiato su boschi verdeggianti, laghi cristallini, oppure magici panorami di grandi metropoli… Ehm, io scrivo con la testa nell’armadio! E per i più scettici, allego un paio di foto.



Pur di crearmi uno spazio (nel mio caso uno spaziettino!) ho letteralmente buttato via un po’ di vecchi vestiti del marito e mi sono impossessata di un ripiano del suo armadio, costruendomi una scrivania estraibile con tanto d’impianto elettrico. (Be’ ecco un piccolo accenno di quello che mi piace: amo i lavori di bricolage “pesante”.)


Quali sono gli elementi ricorrenti nei miei libri?

In verità, secondo me, sono solo quattro, due sono palesi, ma credo che gli altri due non li abbia mai notati nessuno. Eccoli a voi:
  • Uso sempre la narrazione in prima persona.
  • Scrivo sempre con il doppio punto di vista dei protagonisti.
  • Lago. Sì, ho scritto lago… in ogni mia storia c’è un lago, una passeggiata al lago… Sono comasca e amo tantissimo i luoghi in cui vivo, perciò se volete sopportare me, dovete prendervi anche la mia passione per i laghi!
  • Caffè. Altro punto che torna con una ricorrenza quasi maniacale… I miei personaggi bevono caffè, sempre e ad ogni ora. Grazie a un caffè s’innamorano. Davanti a un caffè discutono e spesso litigano. Con un caffè in mano si cercano e fanno la pace, si raccontano segreti inconfessabili… 
Tutto questo non perché io amo il caffè, ma perché è un’esigenza! Avete presente le Gilmore girls? Ecco, la dose di caffeina mastodontica e gli occhi chiari, sono le uniche cose che mi accomunano alle protagoniste di questa serie che ho amato moltissimo.

Cosa mi piace
  • La mia famiglia (e non aggiungo nulla, perché c’è poco da dire).
  • Leggere (soprattutto libri in cui riesco a perdermi fin dalla prima pagina).
  • Scrivere (a volte è una vera esigenza più che un semplice piacere).
  • Tiramisù.
  • Il blu (lo so, è un colore freddo, ma mi rilassa tantissimo).
  • La primavera e l’autunno (quando c’è il sole, i boschi dove abito hanno un colore stupendo e chi, come me, adora guardarsi intorno, non può fare a meno di amare i dettagli e le sfumature).
  • Il bricolage (ma non quelle cose da femmina tipo decoupage o handcrafted o embossing… Noooo!!! Amo il bricolage “pesante”, come lo definisco io. Ossia: imbiancare, aggiustare, cambiare le tubature, salire sul tetto, rifare pezzetti d’impianto elettrico, carteggiare il legno e il suo profumo, aggiustare gli elettrodomestici… Insomma, sono un maschiaccio! Andare in un centro di bricolage per me è paradisiaco quanto entrare in una libreria).
  • La mia casa (non fraintendetemi, amo vedere posti nuovi, ma casa mia è il mio rifugio, il mio luogo segreto e sacro… E come tale mi piace curarlo, pulirlo e tenerlo in ordine, anche se a volte rasento la maniacalità!)
  • Camminare, passeggiare (da sola o in compagnia, con musica o senza, sotto il sole o con l’ombrello… tutto purché io possa respirare e pensare con tranquillità).

Cosa non mi piace
  • Shopping (Odio provarmi vestiti e scarpe. Se non fosse per il timore di sbagliare taglia, prenderei tutto online).
  • Gioielli (Spesso mi scordo di mettere pure la fede nuziale e credo di indossare lo stesso paio di orecchini da almeno 5 anni…).
  • Incoerenza e falsità (non ci sono spiegazioni per questo, non sopporto le persone incoerenti e false).
  • I cibi piccanti (mi fanno venire le orecchie rosse).
  • Il caldo (soffro di pressione bassa, molto bassa, perciò non tollero il caldo estivo mescolato all’umidità).
  • Andare per locali (Sarà l’età o che mi manca il fisico, ma non amo la vita notturna. A una serata in discoteca ho sempre preferito una tisana con le amiche – la tisana è per loro, ovvio, io vado di caffè).
Cosa vorrei che dicessero di me:
Che sono vera e coerente. Che ho la testa sulle spalle e piedi ben ancorati al terreno. E che non sono tanto male come mamma… 

Cosa dicono veramente di me le mie migliori amiche 
Ho chiesto a chi mi conosce da più di trent’anni di scrivere qualche riga di presentazione e quello che leggerete è ciò che ne è saltato fuori… Giuro che ho fatto il copia e incolla! ;-)

Chiara:
“Difficile scegliere poche parole per descriverla, Daniela è cocciuta, determinata, un concentrato di idee ed energia travestito da donna tranquilla e dimessa. Sprizza creatività da ogni poro, ma la nasconde sotto strati di pacatezza e troppa modestia. Tutto di lei è arte narrativa, anche le parolacce, veri sproloqui di rara letteratura! Un'amica attenta e sincera, una rarità”.

Raffaela:
“La prima parola che mi viene in mente è appassionata…di sicuro…e determinata… perché quando decide di impegnarsi in un progetto, di qualsiasi tipo sia, ci si butta con passione, tenacia, precisione e…sì… anche con creatività e fantasia, fino alla fine!! 
E’ un’amica umile e generosa, sensibile, sempre pronta ad ascoltarti, aiutarti, per offrirti una spalla su cui piangere o ridere, per condividere con te momenti belli e meno belli…
Figlia, moglie e madre amorevole… ma anche severa, e un po’ nevrotica…se necessario!!
Insomma, una persona ricca di sorprese, sempre alla ricerca di nuovi stimoli e perché no di conferme…certo…chi non lo è …e ripetendo parole di altri…pronta a rimettersi in discussione e reinventarsi, quando la vita lo ha richiesto… Credo che questa sia la qualità che più ammiro in lei…poiché le permette di non cedere mai alle numerose prove della vita, ma dopo i primi momenti di scoraggiamento, di rialzarsi in piedi più forte di prima!!
Grande Dany!! Ti voglio bene!! Grazie di essere nella mia vita.
Un abbraccio”

Luana:
“Daniela è la persona più coerente e più se stessa che conosco… Da sempre lei:
Disponibile all’accoglienza e all’
Ascolto dei problemi miei e di tutti.
Nella vita unica e vicina… vicina di vita e vicina di casa!
Inimitabile
Eroica nella sua capacità di reinventarsi e mettersi in gioco…
Leale nel senso più assoluto… con gli altri e soprattutto con il suo dare amore e
Amicizia.”

Marika:
Daniela:  io non saprei identificare una serie di aggettivi con cui descriverla...
Non ci sono aggettivi adeguati per poter esprimere ciò che lei è e ciò che per le amiche rappresenta.
La presenza... sempre e comunque, in tutte le situazioni, in tutti i momenti... quelli belli, in cui si ride e si dicono scemate e quelli brutti, in cui si buttano le braccia al collo e si inizia a singhiozzare.
La fermezza... la decisione, ma anche la fantasia e la creatività espresse e fatte sperimentare a chi le sta intorno.
La decisione e la capacità organizzativa...
Non ho più cambiato la posizione degli elementi della cucina da quando mi ha aiutato a sistemarli!
Anche l'ossessività, se vogliamo, e la paura... tutte però gestite con la sua grande capacità di affrontare e tenere testa alla vita con tutte le sue difficoltà e con tutte le sue montagne da scalare, con tutti i pesi da portare...
La gioia della condivisione e del poter contare su di lei... sempre... in qualunque momento della giornata e della vita.
Ci sarebbero tantissime cose da scrivere ma ovviamente come sempre tutto quello che accade è una velatura negli occhi che annebbia la vista...
Non potrei immaginare il mio cammino senza la presenza di Daniela al mio fianco...

Base sicura in cui rifugiarsi e con cui condividere, discutere ma poi tornare come prima, come quando si passavano intere giornate a guardare le nuvole e a sognare.


Continuate a seguirci, tante nuove tappe vi aspettano. Appuntamento a domani su Bookish Advisor. Elisabeth e Alexander vi parleranno del loro amore impossibile!


domenica 12 marzo 2017

Premio selezione BANCARELLA sessantacinquesima edizione: I sei libri vincitori.

Il 10 marzo, presso  il Conservatorio Guido Cantelli di Novara, ha preso il via la 65ª edizione del Premio Bancarella, presentando i 6 libri vincitori del Premio Selezione 2017. 

             

                       

I librai, interpretando del gusto dei lettori e valutando le potenzialità commerciali, hanno insignito del Premio Selezione Bancarella i seguenti autori:

Alessandro Barbaglia: “LA LOCANDA DELL’ULTIMA SOLITUDINE”, (Mondadori)(recensione qui)
Valeria Benatti: “GOCCE DI VELENO”, (Giunti)
Cristina Caboni: “IL GIARDINO DEI FIORI SEGRETI” (Garzanti)
Jung Myung Lee:"LA GUARDIA IL POETA E L'INVESTIGATORE", (Sellerio)
Lorenzo Marone:“MAGARI DOMANI RESTO”, (Feltrinelli)
Matteo Strukul:“I MEDICI” (Newton Compton)

Gli autori hanno presentato alla stampa e al pubblico le proprie opere in prima nazionale proprio a Novara.

L’evento è stato condotto dal giornalista e scrittore Marco Cubeddu, con uno stile vivace e coinvolgente.

Il Presidente del Premio Bancarella 2017 Marcello Simoni, vincitore del Premio Bancarella 2012 con il libro “Il Mercante dei Libri Maledetti” (Newton Compton), ha introdotto la manifestazione parlando della sua esperienza e di come il Premio Bancarella lo abbia consacrato tra gli autori italiani più venduti.  
La presentazione dei libri si è svolta con modalità inconsuete e innovative, ogni autore era affiancato da un testimonial che ha “raccontato” il libro come se fosse un buon vino, una vera  "degustazione letteraria", culminata nella lettura da parte di ciascun autore di un brano significativo.

Fra le novità più importanti che hanno caratterizzato l’esordio della 65ª edizione del Premio Bancarella ci fa piacere sottolineare il coinvolgimento di numerosi blogger che si occupano di lettura ed editoria con lo scopo di allargare anche alla rete la discussione e gli approfondimenti relativi ai libri finalisti. Questa collaborazione vedrà la presenza dei blogger anche nelle altre tappe del Premio e alla finale a Pontremoli.

Inoltre la partnership tra Bancarella e Festival dei Giovani  e la community  NOI SIAMO FUTURO: per consolidare il rapporto tra il Premio e il mondo dei giovani e della scuola.

Ecco i prossimi eventi in cui sarà impegnato il Bancarella e in cui saranno presenti gli autori con i libri finalisti:

  1.  Ravenna, dove vi sarà un incontro con gli studenti delle scuole superiori della città, 
  2. Cesena sempre con gli studenti delle scuole superiori. 
  3.  Cesena, si terrà una manifestazione dove verrà consegnato agli autori il “Premio Selezione    Bancarella 2017”. 
  4. Sesto San Giovanni incontro con gli autori.
  5.  Carrara per concludere il ciclo di presentazioni. 


Domenica 16 luglio in Piazza della Repubblica a Pontremoli, a partire dalle ore 21, il notaio aprirà le buste con i voti dei librai che compongono  la Giuria del Premio. Dallo spoglio verrà incoronato il vincitore della 65ª edizione del Premio Bancarella.

venerdì 10 marzo 2017

Anteprima: TREDICI di Jay Asher


Oggi vi segnaliamo l'uscita prevista per il 14 marzo di TREDICI di Jay Asher edito da Mondadori, un libro che affronta con durezza il tema del bullismo. L'uscita del libro anticipa di qualche giorno l'uscita su Netflix della serie TV ad esso ispirata.   Con questa serie, in arrivo il 31 marzo, Netflix si conferma una piattaforma TV on demand moderna e attenta ai gusti di un pubblico giovane e appassionato di lettura.  




Trama
 Non puoi bloccare il futuro.  Non puoi riavvolgere il passato. L’unico modo per scoprire la verità... è premere play.   

Ciao a tutti. Spero per voi che siate pronti, perché sto per raccontarvi la storia della mia vita. O meglio, come mai è finita. E se state ascoltando queste cassette è perché voi siete una delle ragioni. Non vi dirò quale nastro vi chiamerà in causa. Ma non preoccupatevi, se avete ricevuto questo bel pacco regalo, prima o poi il vostro nome salterà fuori... Ve lo prometto.” Quando Clay Jensen ascolta il primo dei nastri che qualcuno ha lasciato per lui davanti alla porta di casa non può credere alle sue orecchie. La voce che gli sta parlando appartiene ad Hannah, la ragazza di cui è innamorato dalla prima liceo, la stessa che si è suicidata soltanto un paio di settimane prima. Clay è sconvolto, da un lato non vorrebbe avere nulla a che fare con quei nastri. Hannah è morta, e i suoi segreti dovrebbero essere sepolti con lei. Ma dall’altro, il desiderio di scoprire quale ruolo ha avuto lui nella vicenda è troppo forte. Per tutta la notte, quindi, guidato dalla voce della ragazza, Clay ripercorre gli episodi che hanno segnato la sua vita e determinato, in un drammatico effetto valanga, la scelta di privarsene. Tredici motivi, tredici storie che coinvolgono Clay e alcuni dei suoi compagni di scuola e che, una volta ascoltati, sconvolgeranno per sempre le loro esistenze.  Con più di due milioni e mezzo di copie vendute soltanto negli Stati Uniti, Tredici, romanzo d’esordio di Jay Asher, è uno dei libri più letti dai ragazzi americani, e ora anche una serie televisiva prodotta da Netflix. 

Il Libro

Editore: Mondadori Chrysalide 
Genere: Young Adult
Prezzo cartaceo: € 17,00 
Pagine: 240    
                               Pubblicazione: 14 marzo 2017                             

  L'autore

 Jay Asher vive in California, è stato bibliotecario e libraio in ogni tipo di libreria, da quelle indipendenti a quelle di catena. Tredici è il suo romanzo d’esordio e, fin dalla pubblicazione, nel 2007, è stabilmente nella classifica dei bestseller del «New York Times». Ora è anche una serie originale Netflix in tredici puntate. 



     

     

martedì 7 marzo 2017

Blogtour: STORIE DELLA BUONANOTTE PER BAMBINE RIBELLI

Cento donne "normali" ma straordinarie, che non sono fate o principesse ma che hanno avuto il potere di cambiare il mondo, portando un po' di concreta magia. Queste sono le Storie della buonanotte per bambine ribelli che potrete trovare in questo meraviglioso libro illustrato; e vi assicuro che questo aggettivo, più che mai, sembra limitante.
Questo libro è un piacere per gli occhi - oltre cento coloratissime illustrazioni di artiste di tutto il mondo - e un balsamo per lo spirito: qualcosa che, con grande semplicità ed immediatezza, potrà lasciare un monito, un esempio, un insegnamento alle donnine di oggi e alle Donne di domani, perchè sì: se lo vogliamo veramente, se abbiamo il coraggio di credere nei nostri sogni, di difendere le nostre idee, di perseguire i nostri obbiettivi, possiamo dare il nostro contributo a portare luce nel mondo e lasciare un nostro segno!
Questo è quello che auguro a tutte le bambine che si accosteranno a questo libro e alle loro mamme. Perchè non è mai tardi per essere coraggiose. Ed è straordinario essere ribelli!


Elena Favilli e Francesca Cavallo
Traduzione di Loredana Baldinucci

STORIE DELLA BUONANOTTE
PER BAMBINE RIBELLI
100 vite di donne straordinarie

editore: Mondadori Ragazzi
illustrato
pagine: 214
prezzo: 19.00 euro
Rilegato

Trama

C'era una volta... una principessa? Macché! C'era una volta una bambina che voleva andare su Marte. Ce n'era un'altra che diventò la più forte tennista al mondo e un'altra ancora che scoprì la metamorfosi delle farfalle. Da Serena Williams a Malala Yousafzai, da Rita Levi Montalcini a Frida Kahlo, da Margherita Hack a Michelle Obama, sono 100 le donne raccontate in queste pagine e ritratte da 60 illustratrici provenienti da tutto il mondo. Scienziate, pittrici, astronaute, sollevatrici di pesi, musiciste, giudici, chef... esempi di coraggio, determinazione e generosità per chiunque voglia realizzare i propri sogni. Età di lettura: da 8 anni.


"Taluni pensano che il lusso
sia l'opposto della povertà.
Non è così.
E' l'opposto della volgarità"

                                                     - Coco Chanel -

Oggi, nella nostra tappa di questo blogtour che spero vi stia piacendo ed appassionando, ho scelto di parlare di una donna straordinaria che ammiro molto e penso, per certi aspetti, mi rappresenti per il suo ideale di eleganza e femminilità: Coco Chanel



Cresciuta in un convento , circondata da suore vestite di bianco e di nero, Gabrielle Bonheur Chanel ha sempre avuto fin da piccola, la passione del cucito. Insieme alle sue compagne di orfanotrofio - a causa della prematura morte della madre e dei gravi problemi finanziari del padre, le tre sorelle Chanel vennero affidate al Convento del Sacro Cuore - confezionavano abiti per le loro bambole. Ma non avendo molto a disposizione potevano usare solo le stoffe bianche e nere delle suore. Questa cosa influenzerà molto Gabrielle nel suo futuro di stilista ma, prima di arrivare a quello per cui è diventata celebre, forse non sapete che ha avuto un passato musicale: sarta di giorno e cantante di notte.
Proprio a questa parte della sua vita si dovrà il suo celebre soprannome "Coco" con cui tutti la conosciamo. I soldati che assistevano ai suoi spettacoli la chiamavano infatti Coco, e questo fu il nome che le rimase per tutta la vita.

Coco sognava di avere un negozio tutto suo a Parigi e grazie all'incontro con Etienne De Balsan cominciò a confezionare i sui famosi cappellini (che in un epoca in cui vigevano sontuosi cappelli quasi impossibili da indossare tanto erano pesanti ed elaborati, nella loro semplicità facevano scalpore) e i suoi celebri "pantaloni da cavallerizza". Grazie alla passione di Etienne per i cavalli, anche Cocò entrò a stretto contatto con questi animali e se ne innamorò, diventando una valente cavallerizza, cosa che le permise di frequentare un certo ambiente altolocato che divenne la sua prima clientela.
Successivamente, l'incontro con l'amore della sua vita Boy Capel, che comprese la sua passione e il suo talento e lo incoraggiò, riuscì ad aprire la sua prima boutique.  I vestiti di Coco erano bellissimi , anche se la stoffa era semplice e ben presto tutti a Parigi volevano un capo realizzato da questa strepitosa ed innovativa stilista.

Tutto lo stile di Chanel si rifaceva alla vita comune delle persone che la circondavano, per dare all'abbigliamento quella praticità che la Belle Epòque aveva sostituito con bustini, corsetti e impalcature per cappelli. Per esempio a Deauville, ispirata dai marinai al lavoro, Chanel reinterpretò il loro abbigliamento, realizzando dei maglioni col medesimo scollo. 

Parola d'ordine: praticità. Specialmente nel periodo a cavallo della prima guerra mondiale.

« Finiva un mondo, un altro stava per nascere.
Io stavo là; si presentò un'opportunità, la presi.
Avevo l'età di quel secolo nuovo
che si rivolse dunque a me
per l'espressione del suo guardaroba.
Occorreva semplicità, comodità, nitidezza:
gli offrii tutto questo, a sua insaputa. »
                                                                              - Coco Chanel -

Negli anni venti, Chanel lanciò la moda del capello corto. Fu una fatalità. Essendosi accidentalmente bruciata i capelli su un fornello, tagliò anche il resto. Dopo poco tempo le giovani donne alla moda imitarono il suo taglio.

Parola chiave: comodità.
Il suo modello di maggior successo era il classico tubino nero (petite robe noir) trasformando il classico colore usato per i funerali in qualcosa di estremamente elegante e perfetto per uscire la sera.

Il profumo Chanel N°5 La fragranza era del tutto innovativa, in un'epoca in cui iniziavano a farsi timidamente largo i profumi di sintesi. Il profumo di Chanel venne realizzato artificialmente, con molecole sintetiche. Nasceva così un nuovo ideale di profumo «[…]frutto di una fabbricazione, un profumo femminile» che odora «di donna, perché una donna deve odorare di donna e non di rosa»

Coco Chanel, attraverso la moda, rappresentò il nuovo modello femminile che stava sviluppandosi nel 900: una donna dinamica,che lavorava e che non poteva più essere schiava dell'abbigliamento costrittivo della Belle Époque.

"La vera eleganza non può prescindere
dalla piena possibilità del libero movimento"
                                                                                                             - Coco Chanel -

Chanel portò la lunghezza delle gonne sotto il ginocchio e abbassò il punto vita, promosse l'utilizzo del jersey e dello stile alla marinara, e per finire introdusse l'utilizzo dei pantaloni femminili.Chanel crea la nuova donna del XX secolo, una donna che afferma la propria femminilità non per contrasto, bensì per paradosso, attraverso la rivisitazione di abiti maschili.

Ha rivoluzionato il concetto di femminilità


Speriamo che questo viaggio nella moda e nella vita di questa donna straordinaria vi sia piaciuto e vi diamo appuntamento a domani, con l'ultima tappa sul blog Devilishly Stilish.



lunedì 6 marzo 2017

Anteprima: L'UNIVERSO NEI TUOI OCCHI di Jennifer Niven


Finalmente il 21 Marzo arriva nelle librerie italiane il nuovo romanzo di Jennifer Niven, che dopo lo straordinario successo di Raccontami di un giorno perfetto, torna con un nuova emozionante storia  d'amore fra due ragazzi molto diversi ma che troveranno la salvezza l'uno nell'altra. Ancora una volta la Niven  va oltre la semplice storia d'amore fra adolescenti e riesce a toccare con estrema delicatezza temi molto difficili come il bullismo. 
I protagonisti di questo romanzo sono Jack e Libby due ragazzi che in modo molto diverso affrontano i loro problemi e che grazie al loro incontro riusciranno a sentirsi meno soli e impareranno ad accettarsi per quello che sono. Jack sa che se i suoi compagni fossero a conoscenza del suo problema diventerebbe un loro bersaglio, per questo ha deciso di nasconderlo a tutti fingendo di essere un tipo divertente e distaccato. Quello che Libby desidera più di ogni altra cosa è avere una vita normale ma nonostante tutti i suoi sforzi sono sempre gli altri a impedirle di realizzare il suo desiderio. Il suo passato da adolescente più grassa d'America la perseguita. Affrontare il mondo dopo essere stata isolata per tanti anni richiede uno sforzo enorme e tanto coraggio e Libby ce la mette tutta per non farsi sopraffare dai suoi compagni superficiali e crudeli.

"Il modulo di candidatura per le Damsels è accanto a me. Alla domanda: Qual è il punto di forza o la qualità particolare che porteresti nella nostra squadra e che ti contraddistingue dalle altre candidate?
ho risposto: Ho un fisico imponente, non passo inosservata e so danzare come il vento."

L'Autrice

Jennifer Niven è nata negli Stati Uniti nel 1968 e scrive storie fin da quando era bambina. Vive a Los Angeles, dove il suo film Velva Jean Learns to Drive ha vinto un Emmy Award, e, oltre ai progetti legati alla scrittura, gestisce la web magazine per ragazzi Germ. Ama i popcorn, i rossetti, le librerie, i girasoli, i viaggi in macchina, il sushi e la serie tv Supernatural. Il suo libro Prigionieri dei ghiacci (Piemme, 2001) ha vinto numerosi premi in America ed è stato tradotto in diverse lingue, ispirando anche dei documentari. Raccontami di un giorno perfetto (DeAgostini, 2015) ha vinto il primio Mare di Libri 2016. 
Il Libro
Autore: Jennifer Niven
Editore: De Agostini
Genere: Young Adult
Data pubblicazione: 21 Marzo 2017
Pagine: 463
Prezzo ebook: € 6,99
Prezzo cartaceo: € 14,90


Trama
Affascinante. Divertente. Distaccato. Ecco le tre parole d’ordine di Jack Masselin, diciassette anni e un segreto ben custodito: Jack non riesce a riconoscere il volto delle persone. Nemmeno quello dei suoi genitori, o quello dei suoi fratelli. Per questo si è dovuto impegnare molto per diventare Mister Popolarità. Si è esercitato per anni nell'impossibile arte di conoscere tutti senza conoscere davvero nessuno, di farsi amare senza amare a propria volta. E finora è riuscito a cavarsela. Ma le cose prendono una piega inaspettata quando Jack vede per la prima volta Libby. Libby che non è come le altre ragazze. Libby che porta addosso tutto il peso dell’universo: un passato difficile e tanti, troppi chili per poter essere accettata dai suoi compagni di scuola. Un giorno, per non sfigurare davanti agli amici, Jack prende di mira Libby in un gioco crudele, che spedisce entrambi in presidenza. Libby però non è il tipo che si lascia umiliare, e il suo incontro con Jack diventa presto uno scontro. Al mondo non esistono due caratteri più diversi dei loro. Eppure… più Jack e Libby si conoscono, meno si sentono soli. Perché ci sono persone che hanno il potere di cambiare tutto. Anche una vita intera.

Recensione: I COLORI DOPO IL BIANCO di Nicola Lecca

Il destino non esiste.
Non c'è.
E' un'invenzione.
Il destino sei tu.
E' ciò che vuoi: ciò che desideri.

Che meraviglioso regalo è stato questo libro! Un regalo per l'anima; una "caramella" per la vita. Come Marsiglia ha fatto tanti regali a Silke, così I colori dopo il bianco dona a chi avrà la fortuna di accostarsi alle sue pagine, qualcosa di veramente speciale: la voglia di rinascere e di sfidare il destino per inseguire i propri sogni, perchè il destino siamo noi e dobbiamo avere sempre il coraggio di inseguire, e realizzare, quello che desideriamo!


opinione di Sangueblu

Marsiglia è una città estrema e ti costringe a vivere a pieno.
Subirla è un castigo.
Sceglierla, un privilegio che, alla mia età,
ho avuto la fortuna di poter godere.
Figlia mia, non tentare di capire i misteriosi meccanismi
con cui Marsiglia toglie e dà.

E' la prima volta che leggo un romanzo di questo giovane (classe 1976) e prolifico autore e certamente, dopo la bellissima esperienza vissuta tra le righe de I colori dopo il bianco, senza dubbio non smetterò di seguirlo.
Nicola Lecca sa unire ad una scrittura sapiente, preziosa ed elegante una grande sensibilità nella scelta dei temi e nella descrizione dell'animo umano, anche se con brevi ma vivide pennellate, tali da arrivare dritto al cuore. La sua Silke, così fragile, delusa ed impaurita si trasformerà sotto i nostri occhi, grazie a Marsiglia e tutte le persone che incroceranno il suo cammino e che lei lascerà entrare a colorare il bianco che porta non solo negli occhi, ma un po' anche nell'anima. Diventerà più forte, coraggiosa e determinata a raggiungere quella felicità che tutti meritano.

Silke è "scappata" da Innsbruck e dalla prigione emotiva della sua famiglia, troppo rigida nell'educazione e nel modo di pensare. E' scappata da una vita in cui dominava la paura, sempre presente in lei come un fango oscuro, capace di togliere trasparenza e lucidità ai pensieri. Paura di suo padre, paura di sbagliare, paura di non essere all'altezza, paura di desiderare, paura di scegliere. Paura di amare, perchè dell'amore aveva ricevuto solo una versione tossica e insana. Certamente, quando hai convissuto per più di vent'anni con la paura, non è facile spogliarsene.

La aiuteranno dei personaggi straordinari che Silke incontrerà in questa città rumorosa e colorata. La vecchia gattara, che ho adorato, ma soprattutto la sua vicina di casa, Maurielle, che tanto le donerà senza nulla chiedere.
Tutti doneranno tanto a Silke, ma lei non sarà "egoista" perchè a sua volta tanto regalerà loro, se pur con semplicità. E anche lei sarà in grado di trasformare le loro vite.
La nota dominante sarà l'Ottimismo.
Silke, nella sua rinascita, troverà un equilibrio tra la vecchia e nuova sè, quasi un compromesso pacificatore con quello che era e quello che sarebbe stata, nella sua nuova, adorata città, in cui ha trovato posto il cuore.
Perchè a Marsiglia c'è Didier.
E qui forse si tocca uno dei picchi del romanzo, a livello narrativo perchè, con la consueta semplicità e naturalezza, Lacca è riuscito a concretizzare ed "elevare" a qualcosa di davvero nobile e puro un vero e proprio paradosso: a dispetto della severità e dalla rigidità ideologica del padre, marchiato di vergogna per l'inezia avvenuta a casa e che ha scatenato l'esilio, finisce per innamorarsi di un ladro, figlio di una puttana.

Un romanzo tutto da leggere e da gustare, dolce come le torte e i gateau che verranno sfornati in abbondanza tra queste pagine. Una vera coccola per l'anima, confezionata in una prosa lineare, pregna di immagini ed emozioni.
Bellissimo!


L'Autore


Nicola Lecca (Cagliari, 1976) e' uno scrittore nomade che ha abitato a lungo a Reykjavik, Visby, Barcellona, Venezia, Londra, Vienna e Innsbruck.
La sua raccolta di racconti Concerti senza Orchestra (Marsilio 1999) e' stata finalista del premio Strega.
All'eta' di ventisette anni ha ricevuto il premio Hemingway per la letteratura.
Ha scritto, fra l'altro: Ritratto Notturno (Marsilio 2000), Ho visto Tutto (Marsilio 2003) Hotel Borg (Mondadori 2006), Ghiacciofuoco (Marsilio 2007 e' Scritto con Laura Pariani) e Il corpo odiato (Mondadori 2009).
I suoi saggi filosofici L'amore perduto per l'attesa e Di quasi tutto non ci accorgiamo sono stati pubblicati in olandese dal Nexus Instituut di Tilburg.
Le sue opere sono presenti in quindici Paesi europei.
Fra gli altri riconoscimenti letterari ricevuti da Nicola Lecca figurano: il Prix du Premier Roman, il premio della societe' lucchese dei lettori, il premio Settembrini, il premio Joyce Lussu, il premio delle'Accademia del Ceppo, il premio Basilicata e il premio Rhegium Julii per l'opera prima.
Nel 2000 Mario Rigoni Stern ha identificato in Nicola Lecca l'autore più promettente della sua generazione e lo ha premiato a San Pellegrino Terme con la motivazione: "Su questo nuovo e giovane autore c'è da contare per il futuro della nostra letteratura".
Per i suoi meriti artistici, Nicola Lecca è stato scelto a rappresentare l'Italia a bordo del Literaturexpress, un treno patrocinato dall'Unesco - con a bordo 100 scrittori di 46 paesi - che, nell'estate del 2000, ha viaggiato da Lisbona a Mosca.
È stato invitato a rappresentare l'Italia anche nell'antologia"RACCONTI SENZA DOGANA" - Giovani scrittori per la nuova Europa", realizzata per iniziativa della Direzione Generale per la Promozione e Cooperazione Culturale del Ministero degli Affari Esteri, in collaborazione col P.E.N. Club.
Nicola Lecca ha firmato oltre 500 articoli per le redazioni culturali di numerosi quotidiani e periodici, inclusi L'Unità, La Stampa, Il Giornale, L'Unione Sarda, Grazia e Studi Cattolici. Ha inoltre tenuto conferenze presso le Università e negli Istituti di Cultura di numerose città europee, fra cui Mosca, Londra, Lisbona, Madrid, Tallin, Roma, Lugano, Berlino, Parigi, Copenhagen, Reykjavík e Varsavia. Per Radio Rai è stato inviato in numerose città europee anche in qualità di critico musicale e ha scritto e condotto i programmi "Grand Hotel" e "Settimo Binario".
Nicola Lecca è stato ricevuto da diversi capi di Stato e di governo e, nel luglio del 2000, ha tenuto un discorso al Parlamento Europeo. I suoi romanzi Hotel Borg, Ritratto Notturno e e'Il Corpo Odiatoe' e la sua raccolta di racconti e'Ghiacciofuocoe' sono stati adottati dalla prestigiosa Svenska Akademiens Nobelbibliotek


Il Libro

editore: Mondadori
genere: Narrativa
pagine: 189
prezzo: 18.00 euro
Rilegato
eBook: 9.99 euro

Trama

Staccarsi dal passato farà male? Silke ancora non lo sa, ma è stanca di Innsbruck: una città gelida e perfetta in cui il destino, ostaggio dell'abitudine, domato dalla disciplina e ammansito dalla ricchezza, se ne sta quasi sempre in letargo. Per vivere a pieno sceglie Marsiglia. Ha voglia di novità, di mare e di colori, e non importa se tutto questo comporterà mille sfide: Silke è finalmente pronta ad affrontarle. Ragazza, ma non ancora donna, rinuncerà al benessere della sua vita privilegiata per trasferirsi in un micro appartamento vicino al porto, lasciandosi alle spalle lo sfarzo della villa di famiglia e il soffocante controllo di genitori ossessionati dalle regole, ancorati alle tradizioni e devoti al culto della reputazione più che all'amore o alla verità. Fin dal primo istante, Marsiglia coinvolgerà Silke nel suo alveare di esistenze complicate, curandola dalla solitudine e accogliendola con una moltitudine che turba e spaventa, rallegra e commuove. Se a Innsbruck il tempo pareva sospeso in un'illusione asettica e le giornate si susseguivano con la grazia innaturale del nuoto sincronizzato, a Marsiglia tutto scorre, governato da un'imprevedibilità che mette a dura prova ma offre, in cambio, vivacità e calore umano. Come accade con Murielle: una vicina di casa chiacchierona che, armata di torte e di prelibatezze africane, aiuterà Silke ad abbandonare la sua riservatezza per unirsi al flusso della città e imparare il valore dell'accoglienza, l'importanza dell'ascolto e l'arte di non prendersi troppo sul serio. Nel fitto reticolato delle stradine marsigliesi, Silke si incontrerà col mondo e si renderà conto che ogni labirinto può trasformarsi in un gioco: un rompicapo da risolvere per dimostrare di essere all'altezza della vita. E quando incontrerà la vecchia gattara di rue de la Palud e il giovane Didier - ladro, atleta e mangiatore di fuoco -, si accorgerà che il destino, capace di togliere tanto, è spesso pronto a dare: proprio quando meno ce lo aspettiamo. Con una scrittura semplice ma elegante, Nicola Lecca realizza l'affresco di una Marsiglia travolgente: e, con uno sguardo pieno d'amore per la vita, rende eterna l'ostinata ricerca di una ragazza desiderosa di un destino che finalmente le assomigli.